Lavorare per LinkedIn a Dublino: i miei primi tre mesi

Sono passati ormai quasi quattro mesi da quando ho preso quel volo da Roma a Dublino, lasciandomi dietro due valigie e una persona a cui tenevo tanto, ma forse non abbastanza. 

IMG_0994.JPG

Le prime settimane a Dublino sono volate: ero e sono tuttora circondata da un ambiente che continua a sorprendermi. Un ufficio costruito come un piccolo villaggio per facilitare le relazioni umane, il contatto tra i dipendenti perché relationships matter. Così oltre a luminosi e spaziosi open space, ci sono anche cucine su ogni piano e stanze per potersi svagare, come quella con gli strumenti musicali e la play room, dove si gioca a biliardo, Fifa e calciobalilla.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per non parlare del benvenuto: i primi due giorni sono stati di introduction e ho avuto modo di conoscere una delle persone che adesso è qui la mia più cara amica e punto di riferimento, Caterina. La stessa settimana ho conosciuto il team di cui avrei fatto parte durante dei drinks. Le occasioni per fare amicizia sono tantissime dentro LinkedIn e si viene incoraggiati continuamente ad ampliare il proprio network.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le persone sono genuinamente delle brave persone. Penso di non aver mai incontrato persone dotate di una così forte integrità. Inoltre, almeno l’80% delle persone ha davvero qualcosa di straordinario: giovani imprenditori, persone trilingue e molto altro ancora. LinkedIn viene rappresentato esattamente dalla frase: “assumi qualcuno con il potenziale di essere migliore di te“.

IMG_1223

La città inoltre è incredibile: nonostante le dimensioni limitate permette infinite opportunità di crescita persona e professionale proprio grazie all’essere la sede di molte tech company, come Google, Amazon, AirBnb, Facebook, Twitter, e via discorrendo. Per il momento ho avuto modo di visitare gli uffici di Google e Airbnb e sono assolutamente incredibili quanto quelli di Dublino.

IMG_2241
Google EMEA HQ a Dublino

Queste aziende hanno a cuore temi importanti, non solo il salario. Si preoccupano della salute e dello sviluppo dei proprio dipendenti. Settembre è stato il mese del benessere psicofisico a LinkedIn: abbiamo avuto la possibilità di avere una sessione di meditazione con un monaco buddista. Non solo: tutti i giorni c’è una sessione di meditazione nella palestra che abbiamo in ufficio. Sì, abbiamo anche una palestra aperta 24/24.

Inoltre, il prossimo mese sarà il mese dove ci sarà il focus sulla famiglia: i nostri genitori potranno venirci a trovare in ufficio e vedere cosa facciamo. Non vedo l’ora di far vedere alla mia famiglia questo ambiente internazionale, futuristico e assolutamente aperto. Un posto dove la conversazione è sempre aperta e dove arde una vera cultura del feedback.

IMG_2415

La mia esperienza finora è stata assolutamente positiva. Lavoro in ufficio dove sono contenta di entrare ogni giorno. Si tratta di un ambiente stimolante dove ogni giorno c’è qualcuno con cui condividere una conversazione interessante. Solo nel mio piano siamo almeno una trentina di nazionalità diverse: italiani, francesi, libanesi, svedesi, tedeschi, irlandesi, turchi, olandesi e via dicendo.

La verità è che queste tech companies sono degli ibridi: a metà tra start up e grandi aziende, dove esiste una gerarchia che però non è difficilmente scalabile, aziende con dipartimenti totalmente nuovi perché il tech è il futuro e si aprono nuove posizioni, nuove esperienze, nuove abilità da apprendere. Si tratta di ambienti che puntano non solo ad attrarre il talento, ma a formarlo negli anni per dare al mondo professionisti competenti che possano cambiarlo in meglio.

Come tutti sapere, ho amato vivere a Berlino: il mondo delle start up mi ha offerto una visione sicuramente ottimistica, ma purtroppo ne ho viste molte fallire o comunque fare fatica. Qui a Dublino ho avuto modo di vedere il passo successivo: cosa succede a chi ce l’ha fatta a cambiare il mondo da un garage.

E c’è ancora tantissimo da vedere.

IMG_2360

Un’alternativa alla Go Pro: ecco la low-cost a 20 euro

Sciare in Europa: dove andare e che assicurazione fare

La generazione senza sosta: non abbiamo scelta perché c’è troppa scelta 

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Doduck ha detto:

    Che bello! Tanta invidia da una che ogni giorno entra in ufficio sperando che sia l’ultimo 😌

    Mi piace

  2. Valentina Ricci ha detto:

    Che bello leggere questa esperienza! Lavorare in un posto che ha questi valori è assolutamente il mio obiettivo nella vita, davanti a tutto: carriera, prestigio, soldi…stare bene e andare a lavorare col sorriso non ha prezzo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...