Alice nel Paese delle Biciclette: il mio anno all’estero in Olanda

Era esattamente il 20 agosto 2015. Era il giorno in cui lasciavo casa per recarmi a Roma, da dove sarei partita l’indomani alla volta dell’Olanda. Ero solo una diciassettenne con la testa sulle spalle, ma piena di sogni che mi facevano volare. Ero pronta a lanciarmi in un’avventura che non immaginavo affatto facile, ma sicuramente più facile di quello che è stata.

22agosto2015.JPG

Mi sono imbarcata sull’aereo con tanta voglia di scoprire un pezzo di mondo e, lo ammetto, anche con un pizzico di paura. Il 22 agosto ero ad Amsterdam. Ho messo piede fuori dall’aereo con l’unica certezza che ad aspettarmi ci sarebbe stata mia sorella ospitante, una ragazza bionda. Beh, “certezza”. Una ragazza bionda in mezzo ad una folla di gente bionda e dalla pelle chiara forse non è proprio una certezza. Insomma, fin dal primo momento ho capito che ci sarebbero state delle sfide ad aspettarmi.

Trovare mia sorella, in fondo, non fu così difficile. In agguato, però, solo una settimana più tardi ci furono le incomprensioni tra me, lei e il resto della famiglia. Paure, incertezze, dubbi. Da un lato c’ero io, spaventata e confusa, che mi sentivo di troppo in una famiglia di sconosciuti. Dall’altro lato c’erano loro, spaventati quanto me e che non erano certi di voler ospitare tutto l’anno. Ed è quando la paura divide e non unisce che ci si rende conto che qualcosa non va. E’ così che, senza sapere cosa sarebbe successo da quel momento in poi, abbiamo deciso che sarebbe stato meglio per entrambe le parti chiedere un cambio. Velden, un paesino a pochi kilometri da Venlo, non era il posto dove avrei passato il mio anno.

Due giorni dopo ero a Weert, a casa di una volontaria presso la quale sarei dovuta rimanere per “pochi giorni” – così come mi era stato detto – che si trasformarono in due settimane. Fu così che passai due settimane bellissime. Ho ricordi davvero meravigliosi di quel mezzo mese passato con lei, suo marito e il loro enorme cane dal pelo bianco e lunghissimo. Mi sentii davvero a casa, cosa che – devo ammetterlo – non mi è più successa in tutto il mio anno all’estero. Cosa significa sentirsi a casa? Credo sia una cosa molto soggettiva, ma per me significava sentirmi parte integrante della famiglia, sentirmi libera di essere la ragazzina-dai-capelli-rosa che ero, avere la sensazione di conoscere quelle persone da sempre, sentire l’affetto nel calore di un abbraccio.

E, come tutte le cose belle, quelle due settimane volarono.

weert.JPG

Mi ritrovai improvvisamente in un’altra regione e in un’altra casa che non era la mia. Ero stata affidata ad una famiglia che aveva ospitato ben quattro volte negli anni precedenti e che, stavolta, non ne aveva molta voglia. Nonostante questo, iniziai ad abituarmi all’Olanda. Cominciai la scuola e imparai ad apprezzare le diversità, ad odiare la pioggia e a correre in bici per non fare ritardo. Ah, le bici. Mi trovavo ad Houten, cittadina eletta “cycling city” nel 2008 che, considerando la media di bici e piste ciclabili in Olanda, significa ce ne fossero davvero molte. Con il tempo imparai ad amare quei fiumi di biciclette che incontravo la mattina alle otto e un quarto, nonostante il freddo e la pioggia fastidiosa di fine ottobre.

Sembrava andare tutto bene, fino a quando, in uno di quei grigi pomeriggi, mi fu comunicato che la mia famiglia ospitante aveva deciso di non ospitare più. Mi ritrovai punto e a capo per l’ennesima volta. Attesi ulteriori notizie dai volontari e qualche giorno dopo ero lì, a fare le valigie, pronta-o-forse-no per trasferirmi di nuovo. Questa volta sarei stata in un paesino vicino ad Houten, in modo da non dover cambiare scuola, presso una famiglia con ben sette gatti. E indovinate cosa avevo scritto tra le preferenze al momento della compilazione del mio profilo? “Preferibilmente una casa senza gatti”, sì, proprio così.

velden.JPG

Ero solo una ragazzina confusa da tutto ciò che le stava capitando e che cercava in tutti i modi di far parte di un mondo che, invece, non le apparteneva. Tanti sforzi e tanto impegno non bastarono a colmare il vuoto di un’ennesima sistemazione in una famiglia ospitante di fortuna, trovata in fretta dall’associazione con cui ero partita. Dopo un mese passato in quella casa sentii dirmi “noi abbiamo capito che non vogliamo più ospitare” per ragioni che mi sono ancora poco chiare. Cercai di capire, mi sentii sbagliata ed in colpa e vidi ogni certezza crollare, come se tutto il mio impegno fosse stato vanificato da poche parole e pochi istanti.

Ricordo giorni di pianti. Ricordo le chiamate ad almeno dieci volontari diversi, la telefonata con mia mamma: “Non so che fare, mi dicono di fare le valigie, ma nessuno mi dice dove andrò”. Ricordo tante cose e sono certa ce ne fossero altre che la mia testa ha deciso di cancellare. Rimasi lì una settimana, senza sapere cosa sarebbe successo giorno dopo giorno: da un momento all’altro avrei potuto ricevere notizie che non arrivarono mai. Una mattina, però, mentre mi preparavo come al solito per andare a scuola, la mia mamma ospitante – chiamarla mamma è un eufemismo – mi disse “oggi a scuola non ci vai, prepara le valigie”. Ulteriori pianti e incertezze che non sto qui nemmeno a raccontare.
Vi racconto solo che il giorno dopo mia mamma – quella vera! – era in Olanda. Era lì a difendere i miei sogni, i sogni della sua bambina, i sogni della sua Alice nel Paese delle Meraviglie. Era lì a cercare una soluzione per far rimanere una ragazzina in un Paese estero senza l’appoggio di nessuna associazione, cosa che in fondo non avevo mai avuto. Bastò andare al Consolato italiano per scoprire che, trovandoci nell’Unione europea, era tutto più semplice del previsto. Certo, scoprimmo anche che dipende dalle scuole se accettare studenti stranieri o meno e la mia vecchia scuola non mi voleva più, come se il fatto che fossi fuori da uno stupido accordo con un’associazione qualsiasi mi rendesse una studentessa meno brava e affidabile. La sfida, a quel punto, era trovare una nuova scuola pronta ad accogliermi. Il resto sarebbe venuto da sé. Dopo quattro giorni di ricerche estenuanti e decine di email inviate a scuole di tutta l’Olanda, il vice rettore di una scuola di Den Haag (L’Aja, in italiano) mi rispose dicendomi di aver vissuto cinque anni a Roma, di essere innamorato dell’Italia e del fatto che fosse felice di avere una studentessa italiana nella propria scuola. La gioia fu enorme e indescrivibile. A quel punto cercare una nuova sistemazione fu quasi un gioco da ragazzi. Da quel momento in poi la mia esperienza prese una piega decisamente diversa e mi immersi finalmente nella cultura olandese, ma questa è un’altra storia. Ve la racconterò.

Testo di Benedetta Di Filippo

3 commenti

  1. […] Posted by IsottaS on 17 gennaio 201713 gennaio 2017 L’Olanda è il Paese delle biciclette, questo lo sanno tutti. La verità è che non ve ne renderete davvero conto fin quando non sarete parte di uno di quei fiumi di biciclette che investono ogni giorno le strade olandesi. Vi ritroverete in sella ad una bici colorata e magari un po’ sgangherata, con le borse dietro in cui metterete la spesa o i vostri acquisti dopo un pomeriggio di shopping e con un enorme cestino davanti, uno di quelli che assomigliano alle cassette della frutta, magari in plastica e di un arancione sgargiante. “Fiets” sarà la prima parola olandese che imparerete. Pedalerete con un libro in mano, intenti a finire l’ultima pagina di quel libro che vi ha presi tanto. Oppure avrete il cellulare in mano e un social network sullo schermo, giusto per sconfiggere la noia, come se il mondo circostante non bastasse a riempire il vostro tragitto. Non rispetterete i semafori perché siete in ritardo per poi essere fermati da un poliziotto che vi chiede i documenti e vi fa una bella sgridata, sì, proprio come è successo alla sottoscritta. Vi ritroverete a pedalare sulla neve e, stavolta fermi al semaforo, ad ammirare i fiocchi di neve che cadono su decine di tute impermeabili che si dirigono a scuola o al lavoro come se fosse una giornata come tutte le altre. Ed è proprio in quel momento che voi, senza parole per quello spettacolo di cui fate parte, non vi accorgerete del semaforo che è diventato verde e qualcuno dietro di voi vi darà una svegliata con il suono fastidioso di un campanello. Avrete le mani congelate da novembre a marzo, il volto rosso e il trucco colato ogni volta che dovrete affrontare la pioggia. Odierete il vento che vi fa perdere l’equilibrio e odierete gli olandesi che vi guardano storto perché i veri olandesi il vento sanno domarlo. Pedalerete al buio, che sia alle quattro di un pomeriggio invernale o che sia in una normalissima notte d’estate. Tornerete in bici alle 3am e non avrete paura perché in Olanda funziona così. Anzi, tornerete in bici alle 3am e incontrerete anche diverse persone. Vi domanderete se è proprio necessario muoversi in bici con le temperature sotto lo zero per poi rispondervi da soli che un olandese il problema non se lo pone proprio. Uscirete in bici per andare dall’altra parte della città e vi sorprenderete di essere arrivati prima dell’autobus. Passerete diversi minuti a fissare un fietsstalling (parcheggio per bici) perché avete dimenticato dove avete lasciato la vostra. E vi sembreranno tutte uguali. Vi innervosirete quando le chiavi si incastreranno in quel meccanismo che blocca la bici. Vi arrabbierete con i pedoni che vi passano davanti senza guardare e urlerete qualcosa in italiano per poi scoprire che sono turisti e sono italiani anche loro. Offrirete un passaggio a qualcuno e riderete ogni volta che state per cadere. Accetterete di sedervi dietro alla sella di qualcun altro e vi divertirete durante quei giri. Accetterete addirittura di stare in piedi sul portapacchi e rimarrete a bocca aperta guardando le lucine di Natale che illuminano le strade di Utrecht. Respirerete aria fresca in estate e avrete il naso rosso dal freddo in inverno. Vi si scompiglieranno i capelli. Andrete controvento e vi odierete per esservi improvvisati olandesi: non vi riesce proprio. Penserete che non è vero che l’Olanda sia pianeggiante non appena dovrete fare una piccola salita. Vi perderete tra le strade di Amsterdam così come in quelle di campagna. Pedalerete in fretta ogni volta che siete in ritardo e vi maledirete per non aver mai imparato quanto sia importante uscire puntuali. Darete la colpa alla vostra bici ogni volta che un olandese vi farà notare i trenta secondi di mancata puntualità. Litigherete con qualcuno per avergli tagliato la strada. Riceverete i complimenti di qualcun altro perché “guidi proprio bene la bici per non essere olandese” e vi sembrerà uno dei complimenti più assurdi di sempre (e forse lo è davvero). Penserete di aver preso la febbre ogni volta che uscirete sudati dalla palestra e poi vi stupirete di non esservi, invece, mai ammalati durante tutto l’inverno. Cadrete fin troppe volte e vi sbuccerete le ginocchia, forse piangerete anche. Ma, dovete credermi, sorriderete ogni volta che vi mancherà l’Olanda e vi accorgerete di nuovo di quella cicatrice sul ginocchio spuntata un sabato sera di dicembre in cui tu e la tua amica vi siete scontrate non-si-sa-come su una strada dritta e deserta. Odierete quell’abitudine olandese di andare in bici sempre e comunque, la stessa abitudine che amerete ogni volta che, in qualche altra parte del mondo, non avrete la libertà di salire in sella e andare dove vi pare.  Sì, si tratta di libertà. Si tratta di prendere la bici e pedalare ovunque, girare tutto il Paese e superare anche il confine. Si tratta di andare semplicemente a scuola, ma anche di andare alle feste senza preoccuparsi di come tornare. Si tratta di respirare odori sempre diversi e di ascoltare il rumore delle macchine che scorrono al lato della pista ciclabile o godersi il silenzio mentre si attraversa un weiland, una di quelle distese di verde in cui in lontananza si vede anche qualche mulino. Si tratta di pedalare velocemente quando si è nervosi e di rilassarsi con le cuffiette nelle orecchie quando si prevede una bella giornata. Si tratta di odiare il vento, ma affidargli i pensieri che volano via dalla testa. Si tratta di essere felici senza rendersene conto. Sì, ve lo ripeto: odierete andare in bicicletta ma, tornati a casa, vi mancherà terribilmente. Testo di Benedette Di Filippo Vuoi continuare a viaggiare in Olanda con Benedetta? Continua a leggere i suoi pensieri qui: Preparare la valigia per un anno in Olanda Pane, burro e hagelslag: cosa mangiare di tipico in Olanda Alice nel Paese delle Biciclette: il mio anno all’estero in Olanda […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...