Un weekend fuori porta: itinerario di due giorni a Malta e Gozo

Non appena ho visto i voli per Malta a 22 euro, non ho saputo resistere. Non avevo mai avuto la possibilità di visitare questo isolotto sconosciuto al di fuori dell’Europa, così mi sono detta “PERCHÉ NO?“.

In quattro e quattr’otto, mi sono ritrovata all’aeroporto di Ciampino, pronta per questa nuova avventura nel mediterraneo.

È arrivato il momento di confessarlo: non sono una grande fan delle isole. Sia a Mallorca che in Repubblica Dominicana mi sono sentita un po’ “limitata”. Mi danno davvero l’idea di trappola. Tutto questo per dire che sono partita un po’ prevenuta, probabilmente.

E invece Malta mi ha sorpreso.

img_5255

Parliamoci chiaro: è un’isola veramente molto, ma proprio MOLTO, piccola. Proprio questo dettaglio però la rende la meta ideale per una fuga di due giorni dall’inverno europeo. Le temperature miti e i colori caldi dell’entroterra sapranno sicuramente riscaldarvi a dovere.

Avendo a disposizione solo due giorni, mi sono organizzata dedicando un giorno a Gozo e uno a Malta. Mi è veramente pianto il cuore a non poter includere l’isolotto di Comino, ma purtroppo ero veramente stretta con i tempi.

Che cosa vedere a Gozo?

Gli imperidibili nell’isola di Gozo sono stati la visita a Xlendi Bay, il tramonto a Sannat e la visita serale alla cittadella di Victoria.

img_5248
Xlendi Bay, Gozo
img_5234
Tramonto a Sannat, Gozo
img_5242
La cittadella di Victoria, Gozo

Che cosa non perdere a Malta?

Ho trascorso il secondo giorno a Malta con Hello Malta Tours che mi ha portato alla scoperta del nord dell’isola. Si tratta di un’entroterra che appare forse arido, ma mostra fiero la ricchezza culturale che lo contraddistingue.

Imperdibili sono sicuramente: Mdina, Valletta e Mosto. Mi è piaciuta molto anche la chiesa di Mgarr. Insomma, direi che è un po’ tutta da scoprire. Per accelerare gli spostamenti, vi consiglio di affittare una macchina perché nonostante i mezzi pubblici siano efficienti, ci si mette molto per spostarsi.

img_5317

img_5325

img_5343

Vi è piaciuto questo articolo?

Fuga a Glasgow: “Credevo che non sarei mai tornata a casa”

Lasciati definire dai chilometri che hai percorso, non da quelli che ti sei lasciata alle spalle

Una meta caraibica d’eccezione: la Repubblica Dominicana

Testo di

Erica Isotta Surace

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...