Dove vedere il tramonto a Gozo: Sannat e il sud

Ecco un altro episodio del mio incredibile weekend Maltese. Siete pronti? Partiamo!

Dopo la visita a Xlendi Bay, una volta resici conto che si erano fatte le quattro del pomeriggio, ci siamo diretti verso il sud dell’isola per vedere il tramonto da un punto d’eccezione.

Eravamo gli unici, non c’erano altri turisti, né anime vive. 

IMG_5255.JPG

Le salite sono selvagge e ricoperte di pietre, consiglio sicuramente scarpe comode e un buon compagno di viaggio con cui condividere una bella conversazione mentre si sale.

Il panorama è quasi feroce, nonostante il senso di pace sia l’unica cosa che si sembri avvertire durante la salite. Non si intravedono abitazioni nel giro di qualche chilometro e, nonostante tutto chiami al senso di abbandono, ci si sente avvolti da questa natura che è tutt’altro che inospitale, nonostante le sembianze.

img_5217

Abbiamo così lasciato la macchina su una stradina e ci siamo avventurati. Passo dopo passo, mi rendevo conto di quanto quest’isola pressoché sconosciuta al di fuori dall’Europa, sia in realtà un piccolo paradiso naturale con una cultura, quella maltese, molto forte nonostante lo stupro culturale dei vari tentativi di globalizzazione.

IMG_5227.JPG

Così, mentre il sole si addormentava ad ovest, ho riflettuto sulla mia storia, su tutti i passi che mi hanno portato fin qui.

Questo weekend a Malta è stato il primo viaggio da sola dopo il mio incidente. Ho viaggiato in lungo e in largo comunque, ma sempre con qualcuno. Mi sentivo vulnerabile. Non volevo stare da sola, ma forse è proprio questo il punto di forza del viaggiare da soli, la vulnerabilità del viaggio, poter contare solo su sé stessi.

Sono arrivata a Malta con la mia piccola valigia, la stessa che mi ha accompagnato in Perù e Marocco e in decine di altre destinazioni. Sono arrivata a Malta pronta a tutto ciò che l’Isola aveva da regalarmi, ma i pieni sono stati stravolti e invece di trovarmi a visitare Mdina, il mio primo giorno mi ha portato a Gozo.

Se i viaggi non fossero imprevedibili, non sarei mai finita qui. Di fronte a questo tramonto.

Sono contenta di vivere una vita che non segue i binari prestabiliti, tutto qui.

Erica Isotta Surace

Diventa mio amico su Facebook

Segui le mie avventure su Instagram

2 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...