Vivere le cose sulla pelle

il

Qual è la percentuale di giorni bui in media in un anno? Intendo quei giorni proprio bui, quelli che si colorano di buio pesto che non ti fanno vedere dove stai mettendo i piedi. Come se quel giorno qualcuno prendesse un pennarello nero e cominciasse a pasticciare tutto. I miei giorni bui sono in media il 20%. Sono i giorni in cui cerco risposte e non ne riesco a trovare. La prassi in questi giorni è nascondermi sotto il piumone e scrivere cose che non diventeranno mai cose più grandi perché sono avvolte da tutti i miei dubbi, intrecciati uno ad uno.

E nel caso ve lo steste chiedendo, no, non è stato un giorno buio. È stato un giorno celeste, senza nessuna particolare presenza divina. È stato un giorno incartato come un regalo, con scoperte continue, da scartare una dopo l’altra. Un giorno con gli occhi incantati di un bambino. Un giorno in cui ho riso per un paio di ore buone, senza smettere. Ho parlato, ho discusso e bevuto qualche birra. Ho pensato anche a tutte le risposte che non ho, ma ho deciso che per il momento preferisco continuare a farmi delle domande. A farmene tante, tantissime. A chiedermi il perché di ogni cosa. Preferisco non smettere di vivere. Ho deciso che Berlino la voglio vivere tutta sulla pelle perché già la sento che mi sta scorrendo nelle vene. Già la sento anche un po’ mia.

Sono le 06:03.

È ora.

Devo partire.

La Polonia mi aspetta.

Erica Isotta

| Facebook |

| Instagram |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...